5 Marzo 2021
Furti in cascina: Prandini incontra il prefetto di Brescia

“La sinergia con le istituzioni è fondamentale per fronteggiare una situazione ormai insostenibile, ringraziamo il prefetto di Brescia per l’attenzione accordata a una problematica che Coldiretti Brescia denuncia da tempo e che sta mettendo a rischio l’attività degli agricoltori, fondamentale per il territorio”. Queste le parole di Ettore Prandini, presidente di Coldiretti nazionale e Coldiretti Brescia, in occasione dell’incontro che si è svolto questa mattina con il Prefetto di Brescia Attilio Visconti per analizzare la situazione dei furti in cascina che sta gravando in modo pesante sulle aziende agricole bresciane. Proprio nei giorni scorsi infatti, dopo l’ennesimo episodio, il presidente Prandini ha contattato direttamente il Prefetto, portando alla sua attenzione le problematiche che stanno colpendo la nostra provincia.

Furti in cascina: Prandini incontra Visconti

Durante l’incontro, il Prefetto Visconti ha rassicurato Coldiretti: dopo la segnalazione del presidente la situazione risulta costantemente monitorata. Il problema, sottoposto ieri mattina al Comitato provinciale per l’Ordine e la sicurezza Pubblica, è al centro di strategie ancora più efficaci di vigilanza e controllo da parte delle dalle Forze dell’Ordine, che verranno messe in atto in modo capillare su tutto il territorio bresciano per contrastare e prevenire questi gravi fenomeni. Negli ultimi mesi si registra un numero crescente di furti di attrezzature agricole e trattori di grandi dimensioni in tutta la provincia e in particolar modo nella bassa bresciana, dove sono state prese di mira diverse attività agricole in numerosi comuni tra cui Ghedi, Leno, Calcinato, Quinzano d’Oglio, Verolavecchia e Borgo San Giacomo.

“Un ringraziamento particolare va a tutte le Forze dell’Ordine – conclude il presidente Ettore Prandini - per l’impegno costante in difesa del nostro territorio colpito da episodi di delinquenza, ma anche per il lavoro che quotidianamente esercitano a sostegno della sicurezza dei cittadini in questo periodo particolarmente difficile”.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi